alfredo IRACI


 

QUALCUNO DOVEVA PUR DIRLO!

 

 

Arte, eroi, truffe, concattedrali, fuori tema e

 

Voli Pindarici

 

__ “ad usum Delphini” __

 

 

 


 

 

Questo scritto è diretto esclusivamente ai signori/e "Protozoi".

 Chiarimenti a proposito di avere e leggere un'opera letteraria. Un libro si può avere per infiniti motivi. Dai più materiali: Investimenti, collezionismo, altro; a quelli più pratici e nobili: Studio, lettura. Un libro altro non è che una Creatura, da rispettare. Va letto solo se si ha l’amore per la lettura, altrimenti si dedichi tempo a fare altro. Per leggere un libro bisogna possederlo! Come fare? Bisogna acquistarlo o farselo omaggiare..... o rubarlo. Sono sconsigliati prestiti e fotocopie. Il libro avuto in prestito non lo si può vivere: scrivendoci sopra, sottolineandolo….. insomma Viverlo! Approfondirlo, studiarlo, farlo proprio… magari pur non condividendolo in parte o del tutto. Quanto a leggere un libro fotocopiato, è il modo meno riguardoso di farlo! È come avere il clone di una persona cara…. Un libro va acquistato o chiesto in omaggio o rubato.

Marzo 2016 A.D.

 L’Autore 

 

 

Sintesi dei contenuti

La necessità di denunciare la mostruosità di alcune strutture – costruzioni, qualcuna più di altre, adibite a luoghi di culto, le quali si trovano nel territorio della Provincia di Messina, nella Diocesi di Patti, è stata fondamento per approfondire brevemente, solo brevemente, gli aspetti che, direttamente od indirettamente, vengono citati  nell’opera.                                                                                                                                    

Costume”; Arte: l’Arte preziosa e l’ “arte”-truffa. Quella inesistente, messa in essere da individui abietti e grigi. L’ “arte”-truffa di molta “critica d’arte”  e di molti galleristi, di tutto il falso universo che gravita intorno a questa, vuoto e di effimera illusione. Ed ancora: aspetti sociali; eroi veri ed eroi fasulli e truffatori di vita; I “Fuori tema” che analizzano storia, società con pesante critica dura e fredda.

L’opera è anche un manuale da tenere ben conservato e consultare, da chi interessato, per rendersi conto e tutelarsi dall’universo-truffa dell’ “arte non arte” .

L’opera va letta con la curiosità del buon bibliofilo. E’ importante, con l’ausilio di Internet, approfondire significati, personaggi attuali e storici; così come i luoghi, gli aneddoti, le citazioni.

Il sottotitolo “ad usum Delphini” indica la revisione necessaria eseguita, per potere pubblicare l’opera. Si tratta di una versione ammansita dell’originale redatta di getto e assolutamente improponibile per la pubblicazione, causa l’estrema crudezza dei contenuti.

Marzo 2016 A.D.

                                                                                                                                                                      L’Autore 

 

 

Prima opera pubblicata ( ennesima opera redatta ).

Prima edizione: terza decade, febbraio 2016 A.D..

Autopubblicato. Pagine 127.                                                                                                      

 alfredo.iraci0@gmail.com  /  www.alfredoiraci.com     / 3398258579                                                                                                                                                                                        

   L’autore: Tenuto a Battesimo dagli zii Rosaria e Benedetto, un 24 dicembre! Avvenimento più importante della mia vita.

   Che i lettori leggano il libro ed ognuno tragga le personali conclusioni sull’autore.

   Trovo che il formaggio sia tanghero e stomachevole a tal punto che si dovrebbe sollevare una questione di rilevanza internazionale per vietarne la produzione.

   Un gradino sotto il formaggio: provo disgusto per l’impersonale e arrogante “Diamoci del tu”. Apprezzo il “Lei” e ancor di più il “Voi”.

   Non amo conoscere, di moltissimi miei conoscenti e di alcuni rarissimi amici      -  eunuchi padri e madri quasi inesistenti  - i giovani e meno giovani figli; così come non amo la forzata conoscenza dei figli dei miei congiunti. Solitamente si tratta di coglioni/coglione, arroganti, qualunquisti, convinti di onnipotenza e onniscienza, cresciuti nel permissivismo totale, poveri delle più elementari regole di buona forma.

   Mi vergogno profondamente: perché da giovane, durante serate estive in montagna, sono stato in giro con sulle spalle poggiata una polo con le maniche a penzoloni, per un totale di quattro o cinque volte.

   Ringrazio il mio Angelo Custode per avermi scansato dal pensiero di farmi ricamare le iniziali della mia onomastica sulle camicie.

 

   Per e contro: Per la sana naturalezza e il sano conformismo. Contro “L’attimo fuggente e Capitano oh mio Capitano!”.

Per Sua Santità Benedetto Decimo Sesto.

Per: Sua Maestà la Regina Elisabetta, il Principe Filippo, il Principe Carlo e i suoi aristocratici Polsini e la sua Consorte Duchessa di Cornovaglia, Camilla Shand. Contro: la Principessa Diana Spencer, il Principe William.

Per l’Imperatore Commodo. Contro quel ceffo gladiatore, generale Massimo, l’“Ispanico”.                                                                                                                                         Per la Russia del Presidente Putin. Contro l’Europa che ha svenduto il Cristianesimo e dell’aborto e delle famiglie allargate e dei matrimoni omosessuali. 

Per Edoardo I d’Inghilterra. Contro William Wallace.

Per Bill Gates. Contro: Steve Jobs e il mefistofelico Mark Zuckerberg.

Per il Senatore Esteban Trueba. Contro il mascalzone-“bastaso” Pedro Tercero García.    

Per i cazzuti Rolling Stones. Contro gli scialbi Beatles.

Per la Siria laica del Presidente Bashar al-assad.

Per il lupo che dovrebbe crepare. Contro chi augura che debba crepare. - Siano accorti a non crepare!!! -

Per: Frank Pentangeli, Don Vito Andolini e la pace. Contro Roberto Saviano e il girotondo delle speculazioni.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

Nelle edicole e librerie:

BAGHERIA (90011) PA. - Libreria "Interno 95", via Dante Alighieri, 95. Tel. 091 966575. 

PATTI - Libreria "La Bottega del Lettore", via N.G. Ceraolo / Libreria Mosca.

CAPO D'ORLANDO - libreria Mosca.

SANT'AGATA DI MILITELLO - Libreria Zuccarello, via generale Liotta, 24/26 / Libreria Mosca, via San Giuseppe, 49 / Edicola via Medici, accanto Mangano sport / Edicola via Campidoglio / Edicola Salanitro-Liuzzo, via Medici.

TORRENOVA - Edicola accanto bar Mazzini -

ROCCA DI CAPRILEONE (CAPRILEONE) - Edicola via Nazionale, 213.

............................

Prezzo di copertina: euro 12,50.

In contrassegno: il prezzo di copertina più spese di spedizione.